#4 – Il bar

Il bar. In Villa Salviati.

La mattina ci si arriva fissando il vuoto.
Voce umana (‘Ciao, che ti faccio?’)
Chiedere un caffè. Fare due chiacchiere.
Le braccia appogiate sul banco di vetro. La palma delle mani ben stese sulla superficie freschina.
Versare il contenuto in gola. Tutto d’un fiato. Sentire il calore della caffeina. Svegliarsi.
Mettersi in mossa. Accendere il mulino cerebrale. Evvai.



Cite this blog post
Déborah Dubald (2018, July 24). #4 – Il bar. History, on the road. Retrieved June 18, 2024, from https://doi.org/10.58079/sj1l

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search